Un nome d’arte che è un “wordplay”, una voglia di dipingere il casino che ha intorno, un rap piuttosto concettuale, forse atipico per un ragazzo della sua età (20anni), senza tralasciare la tecnica e la melodia. Un ragazzo di provincia cresciuto con riferimenti come Notorious B.I.G, Cure, Rothko, Beckett. Risultato, un connubio tra le nuove sonorità più ispirate a un filone OVO che al suono di Chicago o Atlanta e la matrice “classica” hip hop della comunicazione e del messaggio. Questa la nuova release per la H&H ZONE MVNT.

 

 

 

 

News